Area professionisti sigla un importante accordo con Federprofessional per il tramite di European Brokers

“Area Professionisti”, associazione senza scopo di lucro che svolge la propria attività col fine di divulgare e diffondere i principi etici e deontologici di Autonomi e Liberi Professionisti, sigla un importante convenzione con Federprofessional per il tramite di Europea Brokers.

Il Presidente di Area Professionisti, Arch. Giulia Sacchi, ha così commentato: «Sono felice che Area Professionisti stia crescendo ogni giorno di più, Federprofessional è operante nel diversificato contesto associativo che fa capo alla maggiore organizzazione della dirigenza in Italia, Federprofessional è l’Associazione delle Alte Professionalità.
Nuovi convenzionamenti, ormai all’ordine del giorno, ci dimostrano che abbiamo intrapreso la strada giusta, per essere sempre più vicini alle esigenze dei professionisti italiani».

Federprofessional, in linea con la sua mission di fornire, ai sui Associati lavoratori Autonomi e Liberi Professionisti una ampia gamma di servizi, ha aderito a questo progetto che ha raccolto importantissime adesioni anche da diversi organi, sia di diritto pubblico, di rappresentanza che di vigilanza.

Federprofessional, per il tramite del suo Presidente Eugenio Sajeva, ha invece così commentato l’iniziativa: «Considerando l’attuale contesto generale, che rende l’incasso dei crediti professionali maturati antieconomico, farraginoso e problematico, ParcellaSicura è certamente una soluzione. Una polizza che permette la dovuta tranquillità operativa, rispondendo efficacemente al bisogno di certezza di incasso».

European Brokers, afferma Massimo Rodriguez Agri, che ha curato la convenzione, esprime ampia soddisfazione per il raggiungimento dell’accordo, quale partner di Area Professionisti, di cui ha sposato da subito la progettualità, tesa a garantire il miglior rapporto tra cliente e professionista, nell’ambito di una costruttiva e innovativa offerta di servizi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *